[Running] Brooks Ravenna 2

Era un sabato pomeriggio di gennaio quando mi sono recato su consiglio di Alessia da "Affari & Sport - Villasanta" per effettuare il cambio gomme con l'analisi dell'appoggio del piede. Non ero mai stato da "Affari & Sport" e devo dire che le voci sentite erano tutte vere. La loro professionalità e disponibilità è molto elevata e questo ha permesso di effettuare un acquisto degno di nota.

La scarpa "Brooks Ravenna 2" appartiene alla categoria A2 per una questione di peso, ma posso confermarvi quanto mi è stato detto che alla fine le sensazioni prodotte in corsa sono quelle di una scarpa A3. Ormai ho corso quasi 200km con loro e sono passato da ritmi veloci (3.30/km) a ritmi da fondo lento (4.50/km) e la corsa si svolge in tutta serenità senza che il proprio appoggio risenta delle differenze di velocità.

Devo ammettere però che le prime corse sono state le più difficili. Tra le diverse "Tecnologie Brooks" , presente in questo modello di scarpa, possiamo trovare il DNA e questo permette di variare la risposta della scarpa in base alle esigenze di corsa. Faticavo a cogliere il mio passo a sensazione e viaggiavo in modo irregolare. Poi ho capito che dovevo non pensarci ed ascoltare il mio corpo. A quel punto è stato tutto un nuovo modo di correre. Il test migliore l'ho effettuato alla Stramilano chiudendola come lento in 1h38m senza rendermi conto di indossare una scarpa A2 che normalmente considero da allenamento o gara veloce.

Parlando con amici mi è stato chiesto il perché di questa scarpa considerando che ho un appoggio di tipo neutro e questa scarpa offre del supporto. Ho cominciato a documentarmi ed ho chiesto anche ad "Affari & Sport" e mi hanno chiarito il dubbio. La scarpa appartiene alla categoria GUIDANCE ovvero viene offerto dalla scarpa un minimo di supporto per il controllo del movimento.

Mi è stata consigliata questa scarpa anche in vista della preparazione che sto svolgendo pro IM. Questo controllo minimale del movimento  serve a "farmi stare sulle gambe" quando le sento stanche e non appoggiare il sedere a terra nei momenti impegnativi della preparazione. Espressione molto semplice e facile da capire. In effetti è vero ed anche in momenti di gambe cotte con loro riesco a correre molto bene senza difficoltà.

Non nego che all'inizio qualche dubbio lo avevo. Il marchio Brooks nuovo per me ed una tipologia di scarpa mai provata. Ho seguito il consiglio ricevuto e le soddisfazioni sono venute corsa dopo corsa. Il piede è veramente comodo al suo interno ed il livello di ammortizzazione è elevato. Una scarpa che consiglio ed anche molto.

Un altro fattore veramente importante per me è il drop (differenza tra avampiede e tallone) della scarpa e grazie ai suoi nove millimetri la scarpa si configura perfettamente nel mio stile di corsa migliorando anche l'appoggio.

Non so dirvi quanto pesa la scarpa di preciso, ma posso dirvi con certezza che non si sente il suo peso quando si correre indipendentemente dal passo. Leggendo in rete diverse recensioni su scarpe "Brooks Running" ho notato che in diversi avvisavano che il DNA appesantisce la scarpa. Probabilmente è vero, ma quello che offre il DNA è veramente unico e quindi ben venga il DNA nelle scarpe!


... ora che lo avete visto in pratica ... cosa mi dite?


Non mi resta che augurarvi buon venerdì ... :)

Etichette: ,