[Triathlon] Sprint Andora - Hakuna Matata W04D7

Ieri ho dato il via alla stagione di Triathlon in acque libere e devo dire che mi sono diverto veramente tanto e non solamente per la gara. Ho avuto modo di trascorrere un bellissimo week end in terra ligure che come sempre regala soddisfazioni enormi vista la sua bellezza. Arriviamo alla gara di domenica e spero di non essere troppo "sintetico" causa poco tempo a disposizione.

Prima di cominciare vorrei precisare due punti molto semplici:

  1. I dati riportati nel grafico allegato non sono precisi ma ho inserito le distanze presenti nella descrizione della gara. Non ho ancora scaricato nulla dal Garmin ... quindi è probabile che la prossima immagine contenga valori diversi per uno sport che non ho allenato. 
  2. Un grazie a tutti gli amici del "Tri-Road" (e non solo) per la bellissima giornata assieme!

Ed ora ... SI PARTE!!!

Nuoto: La prova di nuoto della mattina ha confermato l'acqua fredda (15°) ed un vento che ha reso il nuoto impegnativo. Ho seguito il consiglio dell'amico Attilio ed ho nuotato con la doppia cuffia per proteggere la testa (soprattutto le orecchie) dall'acqua fredda. Mi ricordo solo onde e tanta fatica. Bisognava fare 300m contro corrente, ruotare attorno la prima boa, fare 150m verso la seconda con corrente a sinistra e poi 300m verso l'uscita con corrente alle spalle. Sono riuscito a vedere la prima boa solo quando ero sotto a causa delle onde. Siamo stati sballottati per bene ed ho perso il conto delle "cadute dall'onda" fatte durante questa frazione. Una volta girato attorno alla prima boa ho fatto veramente fatica a restare in linea con la seconda. Poco dopo mi sono trovato interno ed ho dovuto gestire il rientro. In questa fase un ragazzo mi è "caduto sopra" ed ho fatto una bevuta di acqua gelida che mi ha dato diversi problemi creandomi difficoltà nel riprendere  Stranamente la parte più dura è stato il tratto di 300m con corrente a favore. Le onde ti spingevano come nulla, ma la direzione era quella sbagliata ed ho fatto una fatica immensa. Finalmente ho davanti a me l'uscita. Di solito nuoto sino a quando le mani non toccano il terreno. Peccato che ho perso un sacco di tempo causa persone che cominciavano a camminare con l'acqua alla vita. Ho visto il mio amico Marco pochi metri davanti a me. Purtroppo non sono riuscito a riprenderlo causa coda e scaletta stretta (forse distanziare di più le batterie ed invertire l'ordine non era una cattiva idea) mi sono dovuto fermare ed attendere il mio turno.

T1: E' stato un cambio veramente "lento e difficile" perchè mi sentivo ancora il mare in bocca e "barcollavo" sentendo ancora il mal di mare (che poi è male di terra) dopo l'uscita dall'acqua.

Bici: Esco con Sally dalla zona cambio, superiamo la mount line  ed ero abbastanza rinco da non riuscire ad agganciare la scarpa al pedale. Una volta fatto comincio a pedalare senza problemi. Dopo qualche chilometro vedo l'amico Dario in difficoltà e gli offro un passaggio in scia portandolo avanti di qualche chilometro. Il tracciato era molto bello sia da pedalare che da vedere. La strada "saliva" per 11km e dopo un giro di boa si tornava indietro con una deviazione prima del rientro in paese. In questa deviazione era presente uno strappetto in salita. Inutile negarlo, ma a me la salita piace e sono riuscito a riprendere i tre che avevo davanti e scollinare per primo. Verrò ripreso nel tratto finale, ma non mi importa. Ho preferito "rilassare" le gambe per correre cercando il compromesso tra relax e poca fatica ... un "consumo ridotto" tanto per capirci.
[...] Per tutta la frazione in bici, nonostante il vento soprattutto nel ritorno, non ho usato scie altrui. Al massimo ho dato io la scia, ma non ho voluto entrarci io. Il 70.3 è no-draft ed è a questo che mi devo abituare [...]
T2: Il cambio non è stato dei migliori ... quando mi deciderò a mettere i lacci elastici??? ... ma sono uscito quasi in tempi accettabili.

Corsa: Sento le gambe rispondere da subito e non mi lascio nulla alle spalle come ripensamento. Non prendo l'acqua al primo passaggio. Ho più bisogno di una spugna per rinfrescarmi testa, collo e schiena. Senza fatica lascio che sia il mio passo a portarmi alla fine del primo giro per poi capire cosa fare nel secondo. Non capivo il perchè tutti andassero piano considerando che non facevo fatica. Il primo giro è finito e decido di prendere l'acqua e di bere. Sono riuscito a bere pochissimo e non capivo nemmeno questo. Però stavo bene. Mi sono dato una rinfrescata e poi ho proseguito la corsa. Ho effettuato diversi sorpassi ed in uno di questi il ragazzo ha rilanciato. Ho fatto finta di nulla, perché sapevo che se volevo giocarmela dovevo aspettare il giro di boa e vedere come andava. Appena ho avuto il vento contro ho allungato e nonostante il suo inserimento nella mia scia l'ho perso dopo pochi secondi. Incontro Dario che si era ripreso e mi aveva passato al giro di boa in bici. Gli dico di inserirsi dietro e di allungare senza buon esito. Entro nel rettilineo finale. Avevo quattro persone davanti a me. Non ho dovuto chiedermi cosa fare perchè è bastato l'urlo "VAI ROADDD" dal pubblico che mi ha fatto estendere la gambata al massimo. Questione di metri e di secondi ... FINE!!!

[...]  Ed oggi è andata ... che nuoto ... si ballava alla grande ... ho ancora il mal di mare ... però alla fine sono arrivato in T3 sorridendo :-) [...] 
 (  Ieri pomeriggio su Facebook post gara  )

Sapete una cosa? Durante tutta la gara non ho guardato i tempi o i ritmi. Ho guardato le sensazioni che ho provato step-by-step da parte del mio fisico.

Ma ora volete la perla del giorno?
Ho corso per anni con le A3 ... ora che ho le Saucony Kinvara sono "A2 Dipendente" ... ed anche ieri 5km in relax a 3.58/km senza rendermi conto di farli ... peccato avere perso il cappellino Saucony nella volata finale e non averlo portato con me sulla riga d'arrivo :(
E pensare che l'amico Teo mi ha rotto le scatole per più di un anno per cercare di farmi prendere le A2 ... ed io (da buon amico) l'ho sempre ignorato!

Dalla classifica risulta che:
Devo dire che non ho tirato la gara a tutta ed è stato veramente un allenamento. La prova è che appena arrivato sono riuscito a mangiare subito un piatto di pasta. Se invece tiro e mi sforzo non riesco proprio a vedere il cibo. 

Siccome non ho ancora trovato il video di ieri su youtube ecco il video dello scorso anno:

Etichette: , , , , , ,