[Triathlon] Hakuna Matata: Galway 70.3

Era un giorno come tanti nel mese di agosto dello scorso quando vedendo l'acqua della piscina mi ha preso il blocco del nuoto ed avevo deciso di mettere la parola fine alla mia esperienza con Triathlon. Sempre più affascinato dai racconti dell'amico Ciro stavo valutando di provare l'esperienza delle Ultra nel 2011.  Nel mentre l'infortunio alla gamba e la necessità di nuotare anche se la voglia era assente. Il nuoto mi pesava più di prima e quando ho ripreso a correre mi sentivo rinato. Nel mentre sono successe moltissime cose e mi hanno fatto rivalutare il tutto.

Avevo bisogno di uno stimolo vero però per riuscire a prendere la decisione seria di rimettermi in gioco veramente. Poteva essere l'IronMan di Nizza visto che cade il giorno del mio 30° compleanno. Non mi andava di farlo, l'Ironman è una distanza veramente di tutto rispetto ed affrontarla solo per rimettermi in gioco come "sfizio personale" non era per niente corretto. Era da arrogante e presuntuoso e non mi andava per nulla.

Nella mia mente è apparso il titolo di un articolo visto passare in un sito di Triathlon nel mese di Ottobre dove si parlava del primo "Ironman 70.3 - Galway Ireland" e così ho cominciato una riflessione interna sino a sentire dentro di me un "SONO PRONTO, POSSO FARCELA" e nel giro di pochi giorni mi sono iscritto. La parte più difficile è stata compilare il modulo di iscrizione e premere invio per confermarla. Una volta fatto mi sono sentito prima in pace con me stesso. Poi sono venute le "prime tonnellate" di paranoie e poi ha prevalso la tranquillità che ho scoperto nei mesi prima. Onestamente non so bene cosa mi aspetterà di preciso il giorno della gara. Conosco bene le tre distanze prese singolarmente, solo con l'allenamento mi renderò seriamente conto di cosa sto per fare.

Ho trovato un paio di tabelle interessanti in Internet ed hanno una durata di 18 e 20 settimane. Credo che seguirò quella da 20 perchè meglio si adatta coi miei orari ed impegni. In attesa di cominciare mi porto avanti ad affilare le armi e comincio a studiarle seriamente.

Avevo detto che sino a Treviso non avrei detto nulla per non sentire addosso troppi pesi. Avevo anche detto che a Treviso non mi volevo massacrare perchè volevo cominciare la preparazione bene e senza intoppi da gare precedenti. Ora non mi resta che scaricare nelle prossime settimane e poi cominciare a costruire il sogno del 2011! Sarà il mio primo Half Ironman (1.9km Nuoto - 90km Bici - 21.1 Run ) e vorrò viverlo al meglio.

Ho deciso di chiamare la tabella "Hakuna Matata" perchè il suo significato letterale è "non ci sono problemi"; può essere paragonato a molte altre espressioni analoghe diffuse in altre zone del mondo, come no worries o no problem.

Il mio unico scopo sarà quello di viverla al meglio come esperienza e di tornare a casa sorridente. A differenza di quando preparo una Maratona qua non voglio farmi fisse sui tempi o sui passi o sui ritmi di gara. Da qua a Settembre ogni gara sarà solamente un allenamento in vista del grande evento. Ed ora non ci resta che attendere ricordandomi di non perdere la retta via perchè ho una Gara che mi aspetta!


Avete visto che sono stato di parola? Avevo detto di dirlo dopo la "Treviso Marathon" e l'ho fatto! Vi avevo anche detto che non si trattava di Ironman (3.8km nuoto - 180km bici - 42.2km run) e non vi ho mentito.

[Per la cronaca il racconto della Treviso Marathon sarà pubblicato nei prossimi giorni, non ho ancora avuto tempo di scrivere il tutto]

Etichette: , ,