[Running] Treviso: Ultimo Lungo

Mancano tre settimane alla "Treviso Marathon" ed oggi era il giorno dell'ultimo lungo di fondo. L'idea di correrlo assieme ad Emanuele era viva da diverso tempo e così questa mattina abbiamo un bellissimo allenamento assieme all'Idroscalo.

Assieme abbiamo percorso quattro giri dell'anello alternando ad ogni fine giro la direzione per rendere variabile il tutto. Ho notato che fare il giro tenendo il lago alla propria sinistra mi rilassa, mentre se lo tengo alla mia destra il giro mi pesa. Per assurdo ad Emanuele succede il contrario. Tralasciando questi "dettagli secondari" sono veramente contento di come è andata oggi.

Una volta partiti la temperatura era fresca, ma nel giro di poco si è alzata veramente tanto.  Un esempio? Il primo giro l'ho corso con la maglia intima a manica lunga giù ed i guanti. A fine del giro le maniche sono salite per metà. Nel secondo giro ho tolto i guanti. Nel terzo ho fatto salire ulteriormente le maniche.

Parlando di numeri e di distanze vi posso dire che abbiamo cercato di essere il più regolari possibili. Non sempre è stato facile perchè oggi l'idroscalo era invaso da runner, persone normali e bambini. Mi veniva da ridere perchè quando siamo andati durante l'inverno a correre all'Idroscalo eravamo solo noi due e forse qualche pinguino.

Credo che la preparazione fatta per Treviso col cross-training abbia dato ottimi risultati. Al momento baso questa frase sui tempi e sulle sensazioni avute oggi e nelle distanze precedenti. Oggi mi sono "immerso" nella gara perchè ho fatto la prova dell'abbigliamento e sono felice soprattutto per la prova scarpe in quanto era la loro prima distanza seria.

Ho corso senza pensieri ed in totale relax con una fatica pari a zero. Il solo momento critico è stato a circa 3km dalla fine. Ho sentito la pancia che mandava segnali. Non ho preso l'imodium se ve lo state chiedendo. Dopo essere rimasto in "sciopero" per quattro giorni ero appena riuscito a rimettere tutto in funzione e non aveva molto senso prenderlo. E' durato un po e sono stato costretto a rallentare, ma una volta passato senza dovermi fermare siamo ripartiti tranquilli.

Dal punto di vista fisico è andato tutto bene. E da quello mentale? Nemmeno mi sono reso conto di averli fatti e sinceramente sono veramente soddisfatto! Perchè? Correre con Emanuele è sempre un piacere e quindi la giornata ha preso un'ottima piega. E poi ... volete mettere la colazione post allenamento in compagnia?

Emanuele, finito l'allenamento, ha valutato la mia condizione complessiva e mi ha detto: credo che dovrò rivedere la previsione che ho fatto per la tua mezza maratona di domenica prossima! Gli ho detto quanto avevo in mente di fare, ma gli ho detto che come prima cosa non volevo segarmi le gambe o farmi male.

Ed ora manca veramente poco a Treviso. L'ultima distanza è stata fatta, ma la fatica maggiore viene domenica prossima con la mezza maratona (io odio la mezza maratona) e poi mi potrò godere due settimane di scarico completo! Non abbiamo ancora deciso "ufficialmente" una strategia di gara per Treviso. So che uscirà una bella corsa, perchè le basi non mancano!

Sapete la parte divertente della mattinata? Quando sono uscito di casa in macchina ho acceso la radio ed è cominciata "The Sound of Silence" alla radio. Di questo allenamento ho apprezzato il giro (mi sembra il terzo) fatto quasi completamente in silenzio. E' vero che non era silenzio puro perchè si sentivano i passi di altri runner, le voci dei bambini e gli adulti. Parlo di quel silenzio che si instaura tra Maratoneti che ha un valore immenso e senza precedenti. Per questo motivo vi lascio la canzoncina (che poi è un pezzo di storia) da ascoltare :)


Simon & Garfunkel - The Sound of Silence 
Madison Square Garden, NYC - 2009/10/29-30

Buona serata :)

Etichette: , ,