[Running] Monza: la tana del bianconiglio

Non ho molto da dire in questo momento. Probabilmente non so nemmeno cosa dire. Vi riassumo in una sola parola la Mezza Maratona di Monza: RITIRATO!

Sapevo che non avrei potuto tirarla come avrei voluto e mi ero messo il cuore in pace. Una volta partiti le gambe andavano bene ed ero felice.

Al primo cambio di inclinazione ho sentito un dolore molto vivo che è sparito subito dopo. Al secondo cambio invece ho capito che era finita la mia gara.

Ho corso 8km e qualcosa ed ho spento il garmin.

Chiedo  ad un ragazzo dello staff se era presente un servizio di recupero. Mi sento dire che devo farla a piedi. Immaginatevi i miei pensieri. Alla fine ho passato più tempo camminando per andare a prendere la mia borsa che quello correndo.

Ad un certo punto, mentre camminavo fuori dal percorso con la testa bassa, sento una ragazza dirmi "FORZA ROAD" la guardo e con lo sguardo faccio no ... e credo che in quel momento abbia detto tutto.

Una domanda e curiosità ... un ragazzo in bici verso il "km 8" mi ha incitato ... sapete chi è? :)

Camminando il dolore si è spostato dalla gamba alla mente. Ho capito che la tana del bianconiglio può essere ancora più profonda di quanto si creda. Oggi il terreno è "franato" tirando giù tutto quello in cui ancora mi potevo attaccare per Dublino. Inutile dire che sono poco zen oggi!

Etichette: , , ,