[Running] La strada prende vita

Probabilmente dare consigli e seguirli non è la mia specialità. Oggi ho detto ad una mia Amica di non correre due volte al giorno. Indovinate cosa ho fatto? BRAVISSIMI! Chissà cosa mi viene a dire la mia amica quando lo scopre!

Mattino: La sveglia è suonata veramente presto. Avevo in programma di fare il mio amato giro in mezzo alla natura di 13km.

La partenza non è stata delle migliori causa sonno, ma subito dopo mi sono svegliato e sono partito alla grande.

La fatica a respirare era veramente tanta. L'aria era calda ed appena la mandavi giù la gola diventava veramente secca.

Passo dopo passo mi avvicino al punto dove sarei dovuto uscire dal paese per cominciare l'allenamento vero e proprio.

ALLARME PANCIA! Ho capito, oggi non esci dal paese. Vediamo se riesci a fare qualche deviazione per macinare un po di strada prima di correre in bagno nuovamente.

Ho stretto i denti rallentando e sono arrivato a casa con 7km circa. Mancano 8km, cosa faccio? Ci penso dopo, ora ho priorità più alte da valutare!

Inutile dire che ho pregato il Dio dei Maratoneti e protettore dei runner anche questa mattina per il bagno libero. Fortunatamente lo erano tutti e due e l'urgenza non era come ieri.

Se "il problema" mi fosse successo qualche chilometro era tutto risolto.

Come? Ero in mezzo ai campi e questione di secondi si ripartiva!

Ho pensato e ripensato e così mi sono deciso a rimettere le scarpe da corsa la sera dopo il lavoro per completare il mio allenamento.

So benissimo che fare due volte un percorso da 7km non è come farne 13km però non volevo andare a perdere la distanza complessiva in tabella.

Sera: La mia paura principale era il caldo. Effettivamente il sole scottava. Ho notato però che l'aria era veramente respirabile e quasi piacevole.

Mentre correvo sentivo una serie di sensazioni migliori nel mio corpo. La pancia stava bene e di questo non mi posso lamentare.

Sapete cosa mi è sembrato veramente strano in questa corsa? La vita che si manifestava nelle strade dove di solito regna il sonno la mattina.

Correre e vedere i bambini in bici vicino ad un parco. Correre e vedere le persone sui balconi o appoggiate alle finestre che normalmente sono chiuse. Correre e dovere condividere la strada con altre persone.

Stranissimo, non sono abituato a queste situazioni. Non ho detto che siano spiacevoli. Il fatto è che per chi corre la mattina ed ama la solitudine in corsa queste "distrazioni" sembrano strane.

Diciamo che ho visto una prospettiva diversa della vita delle case e delle strade del mio paese dopo tante "sveglie di corsa" mattiniere. Ora vi saluto ... penso alla sveglia di domani mattina e speriamo che mi dia la possibilità di fare 8km senza problemi la mia pancia.

Se vi state chiedendo se ho fatto cambiamenti significativi dal punto di vista alimentare nell'ultimo periodo la risposa è si. E' da sabato che non tocco più un caffè o un cappuccino. Dite che può centrare? BHOOO!

Etichette: , ,