[Triathlon] Capire di essere una nuova persona

In questo 2010 ho passato limiti sotto il segno della triplice che nemmeno credevo di potere vedere. Mi sono trovato davanti a nuovi modi di concepire lo sport, nuovi modi di vivere la fatica e soprattutto ho vinto la paura del nuoto.

Sarà molto dura dimenticarsi le parole dell'amico Davide a Pietra Ligure "Ma te cosa ci fai qua?" ed a Bardolino "Oggi hai avuto il vero Battesimo dell'acqua, complimenti!".

Quando penso a come ero verso Marzo e mi confronto con oggi credo che di essere una persona diversa. Non so come sia avvenuto questo cambiamento. La trasformazione ha avuto il via bracciata dopo bracciata? Oppure pedalata dopo pedalata? Oppure passo dopo passo?  Non ho idea in quale momento sia successo. Probabilmente in tutte e tre le fasi.

Non riuscivo a quantificare quanto fossi cresciuto sino a ieri. Ricordate che avevo provato i 1900 ([Nuoto] Test sui 1900 ... obiettivo?) lo scorso week end? L'obbiettivo finale era reale, volevo iscrivermi al 70.3 del Segrino e le intenzioni erano veramente serie.  Mi ero dato ieri come data per l'iscrizione per non subire l'aumento del prezzo col cambio del mese.

Ho parlato con amici in merito (grazie Luciano & Mauro) e mi hanno aiutato a capire che non andavo incontro incontro ad una passeggiata. Ho valutato e mi sentivo pronto di farlo: DOMANI MI ISCRIVO!

La notte che mi ha condotto a domani è stata distruttiva. Non ho chiuso occhio e per colpa del caldo sono stato malissimo. Ieri sono uscito a correre, ho pensato e ripensato a quello che significava fare il 70.3ed alle conseguenze nel non farlo.

Ho avuto fondamentalmente un pensiero di fondo
... 70.3 domande senza risposta e di fondo 140.6 momenti di tristezza ...
e la decisione più saggia è stata presa:
Il mio debutto nella distanza 70.3 è definitivamente rinviato al prossimo anno. Non avrebbe senso farlo in una condizione fisica debilitata dal caldo di questi giorni. Per una volta è la frazione di corsa a spaventarmi. Non è per la distanza da correre. Il problema è l'orario in cui la correrò e fare una mezza sotto il sole di mezzogiorno non è proprio adatto per me. Non voglio stare male in un momento che già sono in crisi per il caldo. Il rischio di compromettere il sogno della Dublin Marathon 2010 saltando nella preparazione è troppo elevato viste le premesse e NON VOGLIO!
E' vero, mi spiace di non fare questa nuova esperienza. Credo però di avere dimostrato a tutti, primo di tutti a me, di essere cresciuto e di avere preso una decisione guardando avanti. Normalmente avrei rimandato il problema al giorno prima della gara.

Alla fine "DOMANI NON MI SONO ISCRITTO" e sono contento così! Nulla mi vieta di preparare un bellissimo TRI-2011 una volta tornato (se torno) da Dublino :)

Etichette: , , , , , , ,