[Triathlon] Olimpico Pietra Ligure - Bici + T2

[...] Entrare in T1 e sentire le note di "Bicycle - Queen" ha dato una carica enorme. Adoro i Queen e lo avrete capito leggendo il blog. Ora bisognava solo non mandare all'aria l'impresa fatta in acqua e come dice il buon amico Teo: MENARE! Ed era giunto il momento di cominciare a recuperare qualcosa [...]
Frazione Bici: E' stato questo il mio pensiero mentre uscivo dal corridoio di lancio della frazione ciclistica. Ho preso una buona pedalata mentre dei ciclisti mi sono passati letteralmente sopra. Appena uscito dal corridoio di lancio il concetto di piatto è andato a farsi dimenticare.

La prima cosa che ho fatto ho preso la borraccia col "Performace Sete by Ethic Sport" ed ho cominciato a bere per idratarmi e ridare dei sali al mio organismo.

Comincio a salire, ma qualcosa non gira come dovrebbe. Mi sento strano e so benissimo da cosa dipende. Sentivo ancora il sapore del male in gola. In quel momento credo di avere quantificato la bevuta fatta nella precedente frazione.

La prima salita non è molto lunga, ma comincia ad essere selettiva. Il gruppo che mi aveva passato subito dopo la partenza lo vedo allungato e col mio passo comincio a riprendere dei ciclisti. Ogni tanto sentivo le mie gambe ricordarmi che uscivano dalla GranFondo ed io ricordavo loro che dopo avevano da farsi ben 10km di corsa!

L'attesa del primo scollinamento è stata lunga. Probabilmente perchè sapevo che una volta in cima avrei preso l'integratore per poi sfruttarlo nella seconda salita della gara. Ho rallentato ed ho preso "Energia Rapida" ovvero il mio gel preferito. Anche questa volta mi sono "incollato" a dovere. Non vedo più la strada, questo vuole dire solo una cosa: discesa!

Poco prima della discesa c'è il ristoro. Prendo l'acqua al volo. Bevo e poi mi lavo la schiena. Sono in fase di scollinamento quando una bottiglietta finisce sotto la mia ruota posteriore. Un solo pensiero: MERDA! Sally è sempre la migliore perchè non solo riesce a scavalcarla, ma mi riduce il colpo. Ho avuto una paura folle di cadere. Ora pensiamo alla discesa.

In discesa vado sempre piano, ma questa volta mi sono fatto prendere e scendo. Nel mentre vedo i primi ciclisti salire scortati dalle moto. Non incontro grosse difficoltà ed in un lampo arrivo già in un paese. Comincia un falso piano in salita e mi trovo un ragazzo in scia. Io tengo il mio passo, ma non sento l'intenzione di cambiare da parte sua. E' in questo falso piano che comincia il problema serio: mi comincia a scappare la pipì forse stimolata dalla discesa.

Questo "nuovo pensiero" sparisce poco dopo nell'esatto istante che comincia la seconda salita. E' molto impegnativa e dalle prime rampe mette subito le gambe alla prova. Ho tenuto bene e non mi posso lamentare. Sembrava eterna e senza fine soprattutto in vista delle temperature. Eravamo circa a metà della salita quando leggo la scritta "Ristoro" e proseguendo non vedo nulla. Ritorno sul tratto fatto all'andata in discesa. Leggo una seconda volta ristoro e mi illudo di trovarne uno speculare al precedente. Arrivo lì e non trovo nulla. Chiedo ai ragazzi e mi sento dire che era più avanti. Arrivo in cima e non trovo nulla. Cassus, volevo bene e rinfrescarmi :(

Comincia la discesa e qua non ho da scherzare. La discesa era veramente pericolosa e brutta. Lo avevo sentito dire diverse volte e quindi dovrò andare più piano del solito. Le prime curve non promettevano nulla di buono. Le successive ancora meno. Non vedevo l'ora di arrivare in fondo e fare l'ultima salita. Non dico che mi è venuto più male alle braccia in questa discesa che nel nuoto, ma siamo lì. Finalmente è finita e se devo essere sincero non potevo chiedere di meglio.

E' ora dell'ultima salita e le gambe stanno veramente bene. Bisogna stare molto attenti ora. Mentre io salgo, dall'altra parte della strada scendono. Sento un saluto da una maglia Steel-T ma ignoro. Una seconda maglia ed un secondo saluto. E' "Mauro the President" e sono contento di averlo incrociato. Quanto manca alla cima? E poi come sarà la strada per tornare a casa? La domanda non era fatta a caso. La salita è stata interrotta in una lieve discesa. Quando ha ripreso a salire ho continuato a prendere ciclisti. Finalmente il ristoro tanto atteso! Riesco a prendere dell'acqua e mi rinfresco le idee. Ora si prosegue la salita con una ripresa di ciclisti in abbondanza. L'ultimo l'ho ripreso a pochi centimetri dalla  fine della salita. Il perchè? Lo vorrei sapere anche io, visto che poi in discesa mi ha falciato all'istante.

Discesa non delle migliori, ma migliore della precedente. Trovo un ragazzo in difficoltà con la bici che ha problemi e presto attenzione ad evitarlo. Si torna in poco tempo al paese di prima. Un breve tratto in salita dove con l'amico Matteo P. (Tri Road Runner) ci mettiamo a giocare. Comincia l'ultima discesa e vedo Matteo partire. Io scendo col mio passo e quando arrivo in fondo ho ancora 300m circa prima di entrare in T2. Vedo la gente che corre alla mia sinistra. Nella mia mente penso che tra poco sarò con loro.  E' ora di togliersi le scarpe ragazzo, la T2 è lì davanti a te.

Per i più curiosi ho caricato il percorso bike su Garmin Connect "2010-06-06 Triathlon Olimpico Pietra Ligure - Bike" e potete vedere quanto sono lumaca per davvero!

T2: CAZZO CHE MALE! Questo è stato il mio primo pensiero appena sceso dalla bici. Dalla discesa dalla bici all'ingresso della zona di cambio hanno lasciano meno di un metro non coperto da tappeto ed i sassolini e catrame hanno festeggiato sotto il mio piede. Quasi saltellante ho raggiunto la mia postazione nella rastrelliera. Ho sistemato Sally e  mi sono cambiato. Ora sono pronto, ma non esco subito. Mi fermo e bevo ulteriormente l'acqua che avevo in borraccia. Ed ora il momento della verità è arrivato: vediamo come stanno le gambe. Ci sarebbe una sorpresa in questo momento. Ve la svelo qua oppure nel post della frazione di corsa? Naa .. facciamo che la svelo domani! Comincio a correre sembra tutto apposto. Ecco l'uscita dalla zona cambio. Sento il beep del tappeto. Premo il pulsante sul garmin ... che la corsa abbia inizio!

Ed ora vi lascio con una canzone molto prevedibile:

Queen - Bicycle Race

... perchè tutto ieri è cominciato così!

Prima di chiudere un grazie all'amico Matteo P. (Tri-Road) in parte "compagno di squadra" per la compagnia durante la frazione ciclistica. Inizialmente l'ho superato in salita. Poi l'ho fatto passare in discesa perchè lo stavo ostacolando. Ripreso nella salita dopo non ha esitato a passarmi in discesa. Nel tratto di salita mi ha "provocato" e sono andato a prenderlo. Peccato che poi ha cominciato a scendere la strada e lui è partito. Grazie Teo ... mi ha fatto veramente piacere "divertirmi" in tua compagnia!

Etichette: , , ,