[Nuoto] Le paperelle crescono

Dopo la corsa di questa mattina dal risvolto molto negativo a causa del troppo caldo, sono andato in piscina a fare un allenamento su una distanza che non toccavo da un pezzo e mi mancava.

Ovviamente non l'ho spinta a tutta in quanto volevo arrivare alla fine senza problemi. Inoltre, l'altro motivo che mi ha fatto perdere secondi su secondi, sono state le altre persone in corsia che rallentavano veramente troppo.

Oggi avevo da fare un bellissimo 2500m così strutturato:
Facile no? Avevo paura di saltare nelle ripetute da 100m ed invece, col un ritmo al limite delle decenza, sono arrivato alla fine veramente bene.
  • 800 ( 16:5 )
  • 500 ( 10:11 )
  • 100 ( 1:52 )
  • 100 ( 1:55 )
  • 100 ( 1:58 )
  • 100 ( 1:57 )
  • 100 ( 1:58 )
  • 100 ( 1:58 )
  • 100 ( 1:58 )
  • 100 ( 1:58 )
  • 100 ( 1:57 )
  • 100 ( 1:59 )
  • 200 ( 4:3 )
Prima di cominciare le serie da 100m ho visto che in corsia era presente un ragazzo che conoscevo. Gli ho chiesto se volevo farmi compagnia e mi ha detto di no perchè doveva allenarsi sui 100 misti e mi sarebbe stato d'ostacolo. Devo dire che non è stata male come soluzione. Abbiamo "ripulito" la corsia in poche serie e senza grosse difficoltà.

Ed ora vorrei salutare con dedica un mio amico del quale non farò il nome che sabato mi ha dato "della paperella" durante un dialogo sulle distanze in acqua ... "qua qua qua" per 2500 volte ... ihihihihih :D

Una cosa posso dirvela con certezza assoluta. Durante il riscaldamento di 800m e la serie da 500m non mi passava per nulla. Rimbalzare tutte quelle volte tra i muretti della piscina: che due coglioni! Dite che è grave considerando che ho fatto solo uno sprint in acqua libera?

Secondo il mio "amico della paperella" per l'olimpico di Pietra Ligure posso andare tranquillo. Non vorrei smentirlo prima che si arrabbia, ma posso dire che a fine dei 2500m non avevo nemmeno un filo di male alle braccia. Considerando che si nuoterà con la muta (spero) la situazione dovrebbe essere nettamente migliore.

Etichette: ,