[BDC] Doppio relax e doppia fatica

Nella settimana sportiva il mercoledì in teoria è il giorno che  preferisco di più. Ho solo la bici da corsa e siccome non riuscirei a coprire la distanza complessiva in un solo allenamento lo svolgo in due sessioni. La prima la mattina pre lavoro e la seconda la sera dopo il lavoro. So che non è lo stesso che fare la distanza in un colpo unico.

Allenamento Mattina: sveglia alle 05:50 con una voglia di restare a letto spaventosa. Anche perchè mi ricordo che il sogno era veramente piacevole. Non mi ricordo cosa fosse, parlo delle sensazioni che mi ha lasciato dentro.

Una volta in sella però mi sono svegliato ed anche bene. La temperatura era ottima ed anche piacevole. Pedalare poi in tutto relax nel silenzio è sempre impagabile. Il problema è che già in bici da corsa non sono veloce. La mattina è sempre una tragedia pedalare. Non so come mai, ma non riesco a carburare.

Devo dire che il percorso fatto non mi piace molto, ma non ho molta fantasia per evitare strade trafficate. Mi sono divertito veramente molto nel finale. Vedo arrivare un ragazzo in bici da corsa. Poco dopo lo trovo di fianco e mi urla che era in ritardo per il lavoro e stava andando come un disperato. Vi state chiedendo il perchè ha dovuto urlare nel silenzio assoluto del mattino? Semplice, riuscivo a sentire i suoi auricolari quando mi ha passato.

Una volta arrivato a casa ho visto i miei 36.17km finali ed ero contento. Alla fine non ho spinto e non ho un filo di male alle gambe. Peccato non avere potuto proseguire.

Allenamento Serale: Sono passate meno di 12h dall'allenamento del mattino. Tutto però è diverso. Il fattore meteo era il peggiore. Il caldo era veramente tanto per i miei gusti e mi sentivo sudato senza fare nulla. Vediamo come stanno le mie gambe e se la mia mente trova un giro migliore per fare almeno 30km. Mi viene in mente qualcosa e parto.

Da subito sento le gambe girare bene ed approfitto del fatto. Dai che oggi pomeriggio mi diverto e pedalando veloce prendi più aria e stai al fresco. La strada è molto regolare ed i punti dove fermarsi sono veramente pochi. Approfitto di questo per tenere un ritmo  regolare nella pedalata.

Ho fatto i primi 20km circa da solo e poi al "giro di boa" vedo un ciclista arrivare. Mi metto nella sua scia e poco dopo rallento per lasciarlo allontanare. Non mi piaceva il suo stile di guida. E' meno faticoso stare solo del pericolo a stare con lui. Lo ritrovo poco dopo sempre davanti a me. Un trattore che usciva dalla cascina lo aveva bloccato. Lo affianco e non faccio nulla. Lui parte e siccome il fondo stradale era migliore provo a restare in scia. Nulla, ha confermato la mia teoria sulla sua guida.

Quando mancano 5km  a casa lo rivedo. Si era fermato a riempire la borraccia. Mi riprende più tardi e lo lascio passare. Non oso immaginare cosa pensava lui di me in quel momento: gesticolavo ed imprecavo. Il perchè? Ho vinto una collisione con un ape sul mio braccio. Fortuna non mi ha punto. In compenso, una volta a casa, ho scoperto che mi hanno punto vicino all'orecchio durante questo allenamento. Cassus :(

Mi rilancio verso casa e vedo il buon Paolo che era in fase corsa. Lo saluto con una mano e mi rimetto a pedalare. Dai, mancano 2.5km e sei arrivato. Mi ha dato "fastidio" non coprire ancora la distanza di questa mattina però avevo fame (di quelle epocali) e non era una buona teoria pedalare ancora. Così dritto a casa.

Se devo dirla tutta sono veramente soddisfatto della giornata di oggi. Mi ha regalato un sacco di divertimento ed emozioni su due ruote. Non posso nemmeno dire che attenderò il prossimo mercoledì per fare il doppio in bici visto che sarò al "Gran Tour dei Vigneti" per un bel 104km di asfalto da mangiare.

Buona serata, domani si corre e molto probabilmente si nuota!

Etichette: ,