[Riflessione] La solitudine

ATTENZIONE: Questa riflessione NON è mia. Appartiene ad un "personaggio immaginario" e purtroppo l'altro amministratore del sito è contrario alla pubblicazione. Ho deciso di pubblicarla io sul mio blog.

La solitudine:
Mi guardo intorno e vedo solo candide pareti immerse di bianco.

Sento di tanto in tanto la goccia del rubinetto che perde.

Solo silenzio. Per scelta non ho ne TV ne Radio e l'assordante rumore del nulla mi rattristisce l'anima nel profondo.

Rumori lontani di auto arrivano di tanto in tanto ad abbattere il silenzio.

Guardo fuori dalla finetra e l'immenso mi ricorda l'ineluttabile miseria dell'uomo. Abbraccio un cuscino, sospiro e dormo.

La solitudine - chiave di lettura:
Mi guardo intorno e vedo solo candide pareti immerse di bianco (= devo prendere ancora i postere delle spogliarelliste)

Sento di tanto in tanto la goccia del rubinetto che perde. (= lo doveva mettere a posto mio padre, ma è sordo e per lui tutto OK)

Solo silenzio. Per scelta non ho ne TV ne Radio e l'assordante rumore del nulla mi rattristisce l'anima nel profondo. (= Se alzo il volume di yuoporn i bambini dell'altra casa potrebbero sentire...)

Rumori lontani di auto arrivano di tanto in tanto ad abbattere il silenzio. (= Mi servono soldi e non posso andare anch'io dalle lucciole)

Guardo fuori dalla finetra e l'immenso mi ricorda l'ineluttabile miseria dell'uomo. (= lucciole, lucciole dove siete?)

Abbraccio un cuscino, sospiro e dormo. (= aspettando la bambola gonfiabile di ultima generazione)

ATTENZIONE RIPETO: Questa riflessione NON è mia. Appartiene ad un "personaggio immaginario" e purtroppo l'altro amministratore del sito è contrario alla pubblicazione. Ho deciso di pubblicarla io sul mio blog.

Etichette: