[Running] Le ultime fatiche

Ad ogni Maratona si presenta circa la stessa situazione: le corse della settimana precedente sono sempre una vera e proprio tragedia.

E' la mente a comandare il tutto.

Sai che ormai ci sei ed è solo il momento di fare uno scarico per rilassarti del tutto.

La sveglia la mattina pesa come non mai.

Devi uscire di casa ancora prima del solito per correre meno strada.

Una strada che vivi metro dopo metro perchè sembra non finire mai e cominci a pensare a tutto ed oltre.

Ti chiedi se tutto quello che hai fatto dall'ultima Maratona è servito a qualcosa oppure no.

Ti chiedi se riuscirai a portare a casa un altro risultato positivo oppure no.

Ti chiedi una cosa in particolare: riuscirò a finirla tutta?

Quello che può succedere in Maratona è tutto o niente. Chi ha provato questa tipologia di corsa ha capito cosa intendo.

Le premesse, credo, dovrebbero essere buone visto il personale in Mezza Maratona a Reggio Emilia (1h27m04s) anche se questa settimana mi sono allenato male e con un passo lentissimo anche più del dovuto.

Ecco una breve sintesi della settimana per quanto riguarda la corsa:

Lunedì: La corsa è stata lenta già dai primi metri. Un passo dopo l'altro ho fatto il classico giro da 5km per il paese inserendo una prolunga da 700m circa.

Tralasciando la doppia sosta per la macchina che si è persa ed ha chiesto informazioni, credo che questo senso di lentezza fosse dovuto alla gara di domenica a tutta.

Le sensazioni lunedì mattina non erano della migliori. Le gambe erano stanche dalla domenica, ma almeno giravano. Forse avevano bisogno di riposare ancora qualche ora?

Martedì: Ieri mattina ho dormito ed ho corso la sera prima di andare in piscina. Esatto, ho fatto un combinato corsa nuoto.

Devo dire che ieri sera mi sentivo bene ed ho corso a passo lento (4.48/km) senza il minimo problema e pensiero. Mi sono dovuto controllare più volte in quanto stavo partendo alla grande per un passo più amico. Devo dire che le gambe erano in ottime condizioni.

Una volta finita la corsa sono entrato in piscina direttamente per un bellissimo "5x300m" e devo dire che non è andato poi così male! La nota più bella di questa corsa è stata la pioggia che cominciava a scendere e mi rilassava.

E poi non bisogna dimenticare che era Martedì e cosa c'è in televisione al martedì sera? Il Dottor House con la nuova stagione e direi che è imperdibile! Quanto lo adoro, è sempre più bastardo dentro!!!

Mercoledì: La sveglia era puntata alle 06:40 ed il sonno regnava nel mio corpo e nella mia mente. L'indecisione tra un punta la sveglia tra 1h e vai a correre è durata qualche minuto. Molto probabilmente ho sbagliato la decisione e sono andato a correre.

Definirla oscena la corsa di questa mattina è nulla. Più andavo avanti a correre più mi veniva sonno. Non riuscivo a svegliarmi nemmeno per finta.

Il giro sembra eterno e non riuscivo a tenere un passo decente. Ad essere sincero nemmeno riuscivo a prenderlo. Tenerlo sarebbe stato un problema secondario.

Tornato a casa dalla corsa ho mangiato l'universo per colazione ed anche oggi durante il giorno. Il problema è che il sonno è rimasto costante tutto il giorno. Questa sera andrò a letto veramente presto e vista la situazione salto clamorosamente (e che Jonny the Coach non si arrabbi) il lungo di nuoto come allenamento.

Riflessione Finale: Secondo me, sperando che sia veramente così, è la mente che ha capito di essere alla fine di una preparazione che non è stata facile ed ora cerca di rilassarsi. Una nota positiva da questa situazione l'ho capita e volevo chiedere un parere a voi:
Correre la sera nel finale di una preparazione potrebbe farmi meglio rispetto alla mattina? Alla fine, il passo "relax" di settimana scorsa a 4.34/km è stato serale. La mattina un ritmo così lo sogno.
Detto questo vi saluto e mi finisco di mangiare un magnifico e strepitoso muffin al cioccolato fatto dalla mia cognatina :)

Etichette: , , , ,