[Running] La pizza non serve come zavorra

Tra ieri ed oggi sono uscito a fare due corse "a sensazione" per scaricare la Verona Marathon 2010. Sino a qua non ci sono problemi in linea teorica. Il problema sono le sensazioni. Perchè?

Martedì 23 Febbraio:

Posso capire che i 1500m di nuoto fatti Lunedì in piscina abbiano rilassato le mie gambe, ma non credevo sino a questo punto. Ieri sono partito sciolto con solo due idee fisse nella mia mente.

La prima era di andare senza pensieri a farmi un giro per il paese e la seconda era di NON guardare il garmin sino a casa.

Poteva anche uscire una corsa a 10min/km non mi interessava. Volevo solo rilassarmi e non forzare sulle gambe. Del passo medio o della distanza proprio non mi interessava nulla.

Quando ho stoppato il tutto sotto casa ci sono rimasto male ben due volte. La prima non credevo di avere corso così tanta strada visto che sentivo le gambe ancora fresche e riposate. La seconda perchè credevo di avere fatto tardissimo. Quando ho visto il tempo è stato un colpo. Due conti e la media è stata intuita.

Bene ... riposare ogni tanto no? :(

Mercoledì 24 Febbraio:

Viste le premesse di ieri l'idea era di andare "sciolti" e di guardare il garmin al beep almeno per avere idea di cosa fare in base anche alle sensazioni delle gambe. La teoria fila bene ... ma ...

... ma quando sei convinto di andare a correre alle 19 ed a pranzo ti mangi una bella focaccia "convertita" a pizza con mozzarella, altro formaggio e speck ... ovviamente molto abbondante ... e poi alle 17 dici "io voglio andare a correre" e non valuti che avevi finito da poco di pranzare ... non lamentarsi se al giro di boa ti senti la pancia che manda segnali si S.O.S. e non riesci a correre "leggero" come avresti voluto ... per certe cose c'è una nota carta di credito ... per certe altre serve un pò di furbizia!

Io direi di si ... peccato che oggi mi sono dimenticato di questo "piccolissimo" dettaglio pizza e quindi sono dovuto tornare a casa un pò appesantito. E' anche vero che al massimo avrei corso poco di più. Non ho voglia di buttare distanze a "doppia cifra" nelle gambe in questi giorni. Ci penserò domenica quando sarò in mezza maratona.

Adesso vi saluto, vado in cucina a sistemare la tavola e cucinare qualcosa. Ho detto cucinare, non mangiare ... per quello aspetto i miei alle ore 8 ... speriamo arrivino presto le 8 ... ho famina :D


Etichette: , ,