[Nuoto] Il blocco e la paura del crollo


Mentre le gocce d'acqua scendevano sul mio corpo sotto l'accappatoio, la mia mano prendeva dalla tasca del borsello il cellulare:
Mamma, dieci minuti sono a casa. Non riesco a stare in acqua
Ed è stato così che ieri sera l'allenamento è andato a farsi benedire. Andiamo per ordine perchè è giusto raccontare la storia completa.

Il nuoto non è il mio sport in cui vado meglio. Mi piace e devo dire che anche grazie ai miei amici sono riuscito a migliorarmi. Adesso mi sto allenando regolarmente ed i risultati si vedono.

Ieri sera invece qualcosa di diverso dentro me. Se ci penso, anche adesso che scrivo, mi viene il nodo in gola e non mi sento a mio agio.

Ero convinto, forse sbagliando, che una volta entrato in acqua la voglia di nuotare mi sarebbe venuta. Seduto di fianco al blocco di partenza coi piedi in acqua non riuscivo a trovare lo stimolo per spingermi.

Ho contato sino a tre e mi sono lanciato anche se non volevo. Resto lì fermo a galla vedendo una cuffia arrivare. Ho lasciato che finisse la sua vasca per poi spingermi. Parto ad distanza sensata per non entrare nella sua scia. Tenere la faccia sotto l'acqua mi dava proprio fastidio. Quando la giravo per respirare notavo due cose. Il respiro non era il solito e la testa non voleva rientrare.

Ho fatto un 200m + 50m + 100m in questa situazione. Ero pronto per partire per la serie da 150m, ma qualcosa non ha funzionato. Non ho trovato la forza di spingermi ed a quel punto sono uscito.

Per tutta ieri sera ed anche questa mattina mi sento l'odore del cloro in gola e sul corpo. E' come se l'incubo di ieri sera in vasca non mi vuole lasciare. Fisicamente non credo di essere stanco e/o di riportare conseguenze da domenica. Lunedì in vasca ho fatto dei bei tempi ed anche ieri mattina in corsa.

Ho solo la paura di bloccarmi mentalmente e di mandare in rovina gli allenamenti in acqua. Questa sera mi sentivo estraneo all'acqua e non riuscivo a fondermi con lei. Onestamente non so quando rientrerò in acqua la prossima volta. Se questa sera o domani anche se è riposo o sabato. Spero prima possibile con la speranza che l'esito sia migliore di ieri. Se così non fosse allora dovrei cominciare a pensare e riflettere ... e forse ... non è quello che voglio fare!

Una nota positiva alla serata di ieri sera l'ho trovata. Mentre preparavo il tutto per andare a correre questa mattina ho giocato con un "Parla con Meredith Grey" su Facebook ed ecco cosa mi ha detto:
.. Liberarsi delle vecchie abitudini, dei vecchi ricordi. La cosa importante e non smettere mai di credere che si può sempre ricominciare. Ma c'è un'altra cosa da ricordare, in mezzo a tanto schifo ci sono alcune cose alle quali vale la pena di aggrapparsi ..
Ed ha ragione perchè ci sono mille modi per risalire quando si tocca il fondo! L'importante è credere in noi e lottare sempre più forti e convinti!

Etichette: , ,