[Running] Ferragosto al fresco tra la natura

Come ogni anno, in questa giornata di festa, a Clusone (BG) si tiene la manifestazione "Camminiamo in pineta con i Vigili del Fuoco" e questa volta ho deciso di partecipare. Una decisione presa all'ultimo secondo in quanto non mi andava di lasciare soli i nonnini a casa proprio in questa giornata di festa. Ho fatto due conti ed ho visto che per pranzo ero a casa. Perchè non andare allora? Ecco la locandina della gara per chi fosse interessato da un senso di curiosità:

14ª CAMMINIAMO IN PINETA CON I VIGILI DEL FUOCO - Clusone (BG)
Manifestazione Podistica:Km. 6-10-20-30 - Partenza: ore 7:30/10:00
A.S.D. Vigili del Fuoco E. Gritti, Via Codussi 9, 24100 BERGAMO (BG)
La mia intenzione, come dimostra poi l'altimetria, era quella di fare la corsa da 30Km. Sapevo benissimo che non sarebbe stato come un lungo corso nella pianura più sperduta come dislivello. Sapevo inoltre che il fondo non è come l'asfalto. Bene, cosa aspetti? Vai a correrla!

In questo momento non sò cosa scrivere e come scriverlo. Ho una miriade di emozioni dentro me che nemmeno immaginate. Potrei cominciare col dire che correre nel posto dove sono cresciuto in vacanza per una vita mi ha fatto un piacere immenso? Vedere che la gente ama la natura e lo sport è bellissimo? Si è vero, potrei, ma vediamo di andare per ordine.

Anello 1: Bello carico e felice decido di partire abbastana presto verso la mia avventura. Il primo tratto è molto bello e rilassante. Un falso piano lungo il percorso vita e poi si attraversa la strada per tornare in pineta. Qua, per circa 3Km, cominciano i momenti difficili del percorso. La strada comincia a salire. Il percorso è scivoloso dai sassi ed il sentiero si stringe. La gente è molta, si fatica a superare ed il ritmo viene rotto in continuazione anche con brevi camminate veloci. Un ristoro al Km3 e penso di fare una puntatina. Qua ho fatto la cavolata di mangiare un pezzo di mela. Poco dopo mi si è bloccata sullo stomaco ed è stata mia compagna per tutta la corsa. Arrivo finalmente a San Rocco (Piario) e vedo tutto pronto per la festa di oggi. Da lì sono possibili due discese. Non sapevo quale fosse tra le due, ma tanto tutte due le adoro! Si comincia un sentierino tecnico a zig e zag con sali e scendi veloci. La gente era molto gentile e chi correva veniva lasciato passare appena possibile. Finalmente giù a tutta verso Piario. Passo dove ho fatto anni di villeggiatura, guardo la casa di un mio amico e vedo tutto chiuso. Un altro ristoro poco dopo. Qua mi sono idratato ed anche tanto. Qualche chiacchera con dei ragazzi in corsa e sono ripartito in un tratto divertente, piano con qualche bel regalino ogni tanto per ritornare in quota. Si rientra in pineta, ormai manca poco alla caserma. Eccola, il primo giro è finito!

Anello 2: Quando, dopo avere attraversato la strada, ho cominciato il pezzo in salita del percorso non capivo la ragione per cui ero veramente felice di rifarlo. Arrivato al ristoro ho lasciato la mela e mi sono dedicato ad un thè coi biscotti e zucchero. Si riparte verso San Rocco. La gente, su alla piana, è cominciata ad arrivare per la festa. Quanti ricordi da bambino su quel prato. Dai, si torna verso Piario, lì c'è un ristoro ben fornito! Altra mangiata al ristoro e poi sono di nuovo lungo il fiume Serio. Il secondo anello stà per finire e le mie gambe cominciano a sentire la corsa. Il passo non è il solito, è molto più lento e faticoso. Il fatto che sia totalmente irregolare causa radici, sassi o altro rende la corsa molto più impegnativa.

Anello 3: La salita iniziale mi distrugge le gambe. Arrivo al ristoro e mangio qualcosa prima di ripartire. Da lì in poi, sino al secondo ristoro, ho corso da solo. Se le gambe fossero state in condizioni migliori mi sarei davvero divertito spingendo bene. Nessuno davanti a me nel tratto tecnico. Mi piangeva il cuore ma se volevo arrivare dovevo tenerle buone. Mi sentivo strano, non sò perchè, ma era così. Mi scappa l'occhio alla casa del mio amico. Vedo una macchina fuori che prima non era lì. Sento aprirsi una porta. Lo vedo uscire: NICOOOOOOOOO! Lo urlo ed inverto la direzione per andarlo a salutare. Erano veramente tantissimi anni che non ci si vedeva più. Emozione breve ma intensa, dovevo ripartire. Decidiamo di trovarci una sera per una pizza con più calma. Ultima mangiata al ristoro prima dello sforzo finale. Mancavano 2Km alla fine circa. Le forze ormai erano ridotte. Vedo un gruppo di signori: permesso, è il terzo ed ultimo giro se mi fermo non riparto più! Si aprono per farmi passare e mi incitano anche con applausi. Sorrido e trovo la forza per spingere le mie gambe. Eccola lì la caserma. Vedo il ristoro finale (che poi era anche un ristoro del percorso che ho ignorato) e la gente che mangia. STOP AL GARMIN! Ed in quel "beep" è finito tutto. Sono scoppiato. Ho retto sino alla fine e lì è stato il crollo di tutto.

Ristoro finale: Chi mi conosce sà cosa odio come alimento in modo particolare: la nutella. Peccato che a fine corsa ero talmente a pezzi che mi sono lanciato sui panini alla nutella perdendo il conto. Assieme a questo numero imprecisato ho bevuto 4 the e dell'acqua. Ovviamente le zollette di zucchero mi hanno fatto compagnia sia dirette in bocca che nel the.

Show al parcheggio: Quello che mi è successo al parcheggio tra il ristoro ed la partenza merita! Il fatto che io corra con il RoadId a collana non è un segreto. Peccato che la collana si è intrecciata con la canotta e con il filo del tagliandino di gara. Mi sono accorto del tutto perchè togliendomi la maglia mi stavo strangolando. Ho fatto un vero spettacolo per cercare di slegare il tutto senza rompere nulla. Ci sono riuscito e ridendoci sopra sono tornato a casa affamato!

Conclusione: La manifestazione è stata gestita in maniera esemplare. I parcheggi venivano gestiti in modo da non creare caos tra i partecipanti. Facevano passare le macchine quanto bastava per riempire e poi chiudevano quel tratto. I ristori, dal primo appena partiti a quello finale, erano pieni di cose da mangiare e da bere. Sinceramente non si notava la differenza tra un passaggio e l'altro. Il pacco gara davvero abbondante. Il percorso era veramente segnato benissimo ed in maniera precisa. Anche volendo impegnarmi, non riesco a trovare difetti nella corsa fatta oggi. Dimenticavo, molto bello e comodo, il fatto che l'iscrizione non si era obbligati a farla alla tenda principale ma si trovavano persone incaricate nei parcheggi coi biglietti. La corsa è costata 3,50€ e devo dire che il prezzo è veramente poco considerando tutta la gestione ed il percorso.

COMPLIMENTI DAVVERO A TUTTI PER LA MANIFESTAZIONE ED IL RISULTATO LO AVETE VISTO DI SICURO DALLA GENTE LUNGO IL PERCORSO!
Regalino: Tralasciando un rovo sulla gamba destra mi sono rotto un'unghia del piede sinistro non sò a quale punto della corsa. Peccato che il tutto abbia fatto infezione ed ora non riesco ad appoggiare il piede a terra. Speriamo solo che passi alla svelta perchè domani mattina vorrei correre una 20Km vicino a casa mia :D

Ed ora i numeri ...

Etichette: , , , , , , , , ,