[Aquathlon] Un ritiro inaspettato e sconvolgente

Gallipoli, Domenica 28 Giugno 2009 - Mi aspettavo di tutto da questa gara ma non che finisse come è finita. Farò una sintesi veloce ma abbastanza semplice e per questo eviterò di scendere in dettaglio nelle critiche sulla gestione ed orari pregara. Diciamo solo che il tutto ha portato a correre la gara con un ritardo superiore all'ora e gli atleti erano (me compreso) molto alterati.

Fase Pregara: durante questa fase ho conosciuto un ragazzo di Milano (non chiedetemi come ma è stato davvero così) ed assieme abbiamo fatto riscaldamento e mi ha dato qualche indicazione in merito. La zona di cambio è pronta, ora bisogna solo aspettare che si decidano a farci partire. Peccato solo che in questa attesa è uscito un sole assurdo e si sentiva parecchio.

Corsa: I primi partono a tutta. Erano solo 2,5Km di corsa da effettuare ed il percorso era davvero molto bello e divertente. Iniziava in piano per poi andare in un boschetto ed infine sulla spiaggia. Arrivato sulla spiaggia mi sono sentito chiamare dal mare. Tranquillo, stò arrivando. Dopo avere effettuato il giro di boa in corsa ho sentito che le mie gambe non erano le mie. Ho mollato il ritmo ed ho preso fiato. Il ragazzo di Milano si è allontanato un attimo in avanti. Esco dalla spiaggia e stò per andare alla mia prima T1. Qualcosa non và. Sento tirare un polpaccio. Calo ancora un pò il ritmo ed il tutto sparisce.

T1: La mia prima zona di cambio. Non ci credo! Punto alla mia cesta. Tolgo le scarpe, prendo cuffia ed occhiali. Temendo il caldo avevo messo nel cesto anche dell'acqua. La bevo e poi comincio la mia corsa verso il mare sul tappeto che porta alla spiaggia. Le gambe non vogliono correre. Davanti a me il mare. Senza pensieri e senza paure. Entrare in acqua mi viene istintivo ed anche col sorriso sul volto.

Nuoto: Era la prima volta che nuotavo in mare. Appena il fondo era buono per fare la bracciata mi sono lanciato in acqua e sono partito tranquillamente. In quel momento nuotare mi sembrava la cosa più spontanea al mondo sapete? Nuota tranquillo, respira regolarmente e qualcosa di nuovo appare davanti a me: la mia prima boa! Mi sono ricordato le parole di un ragazzo che conosco dove mi avvisava di stare attento ai calci al giro di boa. Mi guardo attorno e tutto bene. Ora si punta alla seconda boa e le onde che arrivano da destra non saranno proprio amichevoli. Una volta capito il loro ritmo tutto è andato via tranquillo. Dopo un pò alzo lo sguardo e con grande stupore mi trovavo in linea retta tra le due boe. Supero la metà del primo giro da 500m e la seconda boa era sempre più vicino. Non ho fatto a tempo a pensare nulla. Con nemmeno un secondo di differenza i miei due polpacci vengono presi da un crampo fortissimo residuo della corsa. Stringi i denti e vai avanti ragazzo. Ho fatto qualche altra bracciata. Il dolore era troppo ed il male assurdo. Anche il contatto con l'acqua dava veramente fastidio.

Il ritiro: Una canoa vicina. La chiamo e mi attacco a lei. Arriva un gommone poco dopo e mi porta a pochi metri dalla riva. Faccio, non sò come, quei pochi passi verso la spiaggia. Nemmeno le forze nelle gambe per sedermi. Mi lascio cadere a terra sulla spiaggia sconfitto dai crampi. Una volta passato il grosso ho provato a muovermi verso la zona di cambio. Vedevo le stelle. Diciamo solo che ho impiegato quasi un'ora a fare passare il tutto. Una volta sistemato, per modo di dire, ho fatto una bella doccia e poi mi sono diretto a Gallipoli per una mangiata come si deve con cucina locale.

Riflessione: Sapete quello che mi lascia più perplesso? Il fatto che ho avuto problemi legati alla corsa e non al nuoto. Mi aspettavo di tutto ma non questo. Inoltre, a dirla tutta, si stava così bene in acqua.

Conclusioni: VOGLIO RIPROVARCI! Non credevo fosse così bello e divertente il tutto. Nei giorni a seguire della vacanza andavo in mare a nuotare tranquillamente e senza pensieri. Non sò se il mare o questa gara mi sono stati molto d'aiuto ma è stata una bellissima settimana acquatica in mare aperto! Ed ora, vista la situazione spiacevole al mio paese, vedremo come dovrà evolvere la mia vita da pesciolino.

Link Utili:

Etichette: , , , , , , ,