[Nuoto] 3000 soddisfazioni tra gioie e dolori

Erano le ore 07:00 di ieri mattina quando ero in strada a correre con un caldo assurdo. Non nego la fatica e la sofferenze. In quel momento della mia vita ignoravo che circa 12h dopo sarebbe cominciata una delle più belle avventure da nuotatore fatte sino ad ora. Il titolo anticipa già la fine del post quindi è inutile mascherarlo: 3000M IN VASCA CORTA - 1H 15M!

Adesso veniamo a noi con l'elenco delle serie fatte e delle gioie e dolori di questo allenamento:

La perla delle perle è successa nell'ultima serie da 250m e devo dire che me la sono proprio conquistata. Nei primi 150m il principio di crampo sembrava sparito. Faccio la virata a fine dei 150m ed eccolo qua l'infame che si ripresenta. E' sempre in forma leggera, ma mancano ancora 100m da fare. Arrivo al muro. Decido di virare. Parte un crampo assurdo al polpaccio sinistro. Mancano 75m ragazzo, non mollare! Detto fatto. Mentre nuoto cerco di stirarmi il crampo in acqua. Il crampo a destra sembra risolto. Decido di non virare per non fare la cavolata e giocarmi l'allenamento. A sinistra invece aumentava il dolore. Ragazzo, meno di 50m ... meno di 25 ... muro ... 3000M!

Proprio in quel momento, mentre a bordo vasca mi stavo stirando i crampi, arriva la ragazza di turno in piscina e ci invita ad uscire in quanto la piscina stà chiudendo. Ops, deve essermi sfuggita l'ora però mi sono divertito tanto e quindi non è poi un grosso problema. Il fatto, pensandoci poi bene, è che mamma mi aspettava con tutto fuori perchè dovevo ancora cenare. Le ho mandato un sms spiegandole che mi sono perso l'ora in piscina ma sono ancora vivo e che mi sarei fiondato a casa subito.

Alla fine mi sono fatto una bella mangiata ed ho sistemato tutta la cucina vedendomi un telefilm (Eli Stone) che non avevo mai visto e non mi è dispiaciuto. Il resto della serata? Attaccato al fazzoletto visto che il cloro mi ha scatenato un sacco di starnuti e raffreddore come solito. Il tempo di preparare il borsone per il combinato di oggi e sono andato a letto a dormire. Non ero stanco al 100% però sentivo la parte alta del mio corpo affaticata. Forse era più stanca di quello che sentivo io. L'emozione e la soddisfazione per l'allenamento era ed è ancora oltre ogni limite. Poi l'acqua era bella fresca e nuotare era qualcosa di stupendo. Forse è meglio che penso a quell'acqua la prossima volta che ho caldo, almeno mi distraggo la mente.

E' da ieri sera, finito l'allenamento, che penso ad una cosa molto semplice: alla distanza per l'ironman mancano solo 800m ma come tempo sono già superiore. Nonostante questo dettaglio non mi interessa, son felice davvero lo stesso!

Conclusione Extra: Non vedevo l'ora di alzarmi questa mattina per sperimentare la "nuova tecnica di colazione" che ho appreso confrontandomi su un forum di discussione. Nelle prossime mattine farò altri esperimenti. Restate sintonizzati e scoprirete il tutto.

Etichette: , ,