[Riflessione] Sentirsi ad un bivio

Ed ecco a voi come si sente la mia vita da ieri. Sono proprio così, aperto in due parti. Una parte della mia vita la conosco e posso dire che ho lottato e stò lottando per quella che è ora. L'altra parte, invece, mi è del tutto oscura. Eppure la desidero ed anche tanto.

Sò benissimo che se prendo la strada ignota avrò moltissimi punti di contatto con quella attuale. Se invece proseguo per l'attuale, portroppo o perfortuna, non avrò punti di contatto con quella ignota.

Sò benissimo che una volta presa la via ignota potrò sempre abbandonarla e tornare su quella attuale. Avrò fatto tesoro di tante nuove esperienze di vita e non solo. Tornerò cambiato, questo è poco ma è tanto sicuro.

La maratona è alle porte e la preparazione ormai l'ho quasi finita. In questi ultimi mesi ho avuto un sacco di nuovi stimoli e nuove sfide da vivere. Anche loro mi hanno cambiato e di questo sono davvero felice.

Ora però, non sò se più nella mente o più nel cuore, ho bisogno di altro per continuare a vivere. Ho bisogno di quello stimolo che sogno e solo la strada ignota può darmi. Ora, come non mai, mi trovo davanti al bivio e quindi ad una scelta. Lo vedo benissimo.

Ieri, forse per uno "stupido" timore o altro, ho rimandato. Oggi sono qua che stò fissando il tutto. Domani, probabilmente già a quest'ora, sarà tutto risolto e chiarito dentro di me. Saprò che strada prendere e perchè la prenderò.

Se dovessi "mancare" il bivio sò benissimo che più avanti mi si potrà presentare nuovamente. Non è un "prendere o lasciare" definitivo questo. Il problema è che dentro di me sento che questo è il momento buono per prendere.

Dicono che la notte porta consiglio. E' già passata una notte da ieri eppure non ha portato molto lei. Sono state altre le fonti di coraggio. La mia vita cambierà e questo qualsiasi cosa succeda. Speriamo solo che vada tutto bene e che riesca a restare fedele alla decisione che prenderò.

Etichette: , , , , , , , ,