[Running] I pinguini a letto ed io per strada

Stavo sognando così bene. Il sogno era davvero bello, sembrava reale, ma la sveglia è suonata alla 06.30 precise interrompendo il tutto. L'indecisione se andare a correre in quel momento o questa sera appena dopo il lavoro era forte. Ho pensato che questa sera ho altro da fare e quindi non garantivo la corsa alla mie gambe. Ho guardato fuori dalla finestra e la visibilità era buona. Ho deciso di vestirmi più pesante del solito in quanto non mi sembrava una mattinata molto calda. Il tempo di cambiarmi ed ero giù in strada.

Appena messo piede in strada sentivo il freddo della mattina. Il mio solo pensiero è stato semplice e spontaneo:
Sento il freddo solo perchè esco dalle coperte ... è solo una fissa mentale
Lo pensavo ma non ci credevo molto. Era da tempo che non vedevo i pendolari del mattino pulire i vetri delle macchina dal ghiaccio bello spesso. Comincio a correre e le gambe non sembrano carburare. Più corro e meno sento le gambe pronte per partire e smettere di scaldarsi. La natura era molto suggestiva da vedere. Il paesaggio era molto freddo ed invernale.

Correvo e non sudavo! Sentivo il freddo vincere su di me. Sentivo le mani pesanti ed insensibili ai muovimenti. Ad un certo punto sentivo anche i piedi in uno stato di freddo. No, non posso dare al freddo la soddisfazione di prendermi i piedi e le gambe. Arrivo a casa tranquillo con solo 9Km nelle gambe. Stimavo il giro da 10Km ma viste le sensazioni del freddo ho accorciato il giro togliendo la parte sul canale vacchelli.

Arrivo a casa e con le mani completamento insensibili e faticose a muoversi cerco le chiavi per aprire la porta. In quel momento papà apriva dall'interno per uscire. Lo guardo e gli faccio:
Papi ... copriti che fuori fà freddo per davvero!
Il mio papi e la mia mamma mi guardano come per dire "te sei totalmente pazzo" e mia mamma mi dice:
Andrea, poco fà ero fuori a buttare i vetri sul balcone ed il termometro dava meno nove. Come hai fatto a correre?
Ora si è spiegato perchè le gambe non mi partivano e facevo fatica a correre con questo bel tempo. Guardo mamma e le dico:
Mamma, tranquilla ... ora fà molto più caldo rispetto a prima quando sono uscito!
Saluto tutti al volo e mi lancio in doccia. Non sò se l'acqua fosse fredda o realmente calda. Per il mio corpo risultava ustionante a confronto! Finito il tutto un super cappuccio e brioches al bar ma questa volta ero in compagnia. Ho portato mamma e le ho offerto caffè e brioches.

Devo dire che coi 9Km di questa mattina mi è tornato il sorriso alla grande e lo sfogo di ieri sera è solo un lontano ricordo della mia mente. Il freddo però non è riuscito a penetrarla la mia mente. Ho avuto la meglio contro un duro avversario. E' riuscito a prendersi due (mani) delle cinque estremità. Le altre due (piedi) non è riuscito a fare grossi danni. Alla principale (testa) non è proprio riuscito ad avvicinarsi. Sono rimasto lucido in ogni istante e quando vicino a casa ho visto il garmin e stimavo di arrivare sotto i 9Km ho sorriso al freddo e gli faccio:
Mi spiace, allungo ed arrivo sopra i nove e vado a "perdere" solo 1km dell'allenamento.
Avere tolto il canale mi spiace ma non era ideale correre su quel percorso con questo freddo. Questa mattina ero proprio solo a correre, anche i pinguini sono rimasti a nanna e non sono usciti a correre con questo bellissimo tempo.

Etichette: ,