[Running] Maratonina di Zanica - Una corsa molto sofferta

DIARIO DI UNA CORSA SOFFERTA: Avevo solo una cosa in mente oggi. Non era un pensiero dei miei come solito. Questa volta il pensiero ha superato quella sottile riga nella mia mente e si è trasformato in una vera e propria ossessione. Avevo in mente un 23Km e non riuscivo a pensare ad altro dentro di me. Oltre al pensare ho disinserito la modalità sensazione dentro di me. Non sono riuscito più a sentirmi come faccio di solito. Quando poi il mio fisico ha vinto sul mio stato mentale ormai era troppo tardi per fare qualcosa.

Temevo un forte vento ed anche freddo questa mattina viste le premesse di ieri sera e di questa notte. Fortuna non è andata così. L'aria era fredda, ma del vento nessuna traccia. Non sono partito a mente lucida questa mattina, avevo una cosa per la testa e non sono riuscito a resettarmi del tutto. La partenza ed anche il primo tratto di gara è stato divertente con un ritmo turistico da passeggiata. Abbiamo riso, scherzato e corso gomito a gomito. Lo dimostrano anche i numeri che non stò mentendo.

Ad un certo punto il gruppo si è rotto causa un attraversamento stradale. Siamo rimasti davanti io ed il mio compagno di squadra. Mi ha guardato e non ha detto molto. E' partito ed io ho alzato il ritmo per stare dietro di lui. Abbiamo corso circa 5Km a buon passo assieme. Ad un certo punto il mio fisico si è imposto e mi ha fatto fermare con un dolore dietro la coscia destra. A quel punto, ho dovuto cominciare ad ascoltare il mio fisico e non era nelle condizioni migliori. Avevo la vescica in fase esplosiva, le gambe imballate dal freddo. Quel freddo che, salvo per il torace, si era totalmente impossessato di me. Fermo per fermo ho preso tempo e mi sono fermato a fare tutta la pipì che mi scappava.



I numeri ed i grafici parlano chiaro. Il crollo non è stato dei più leggeri. Non ho nemmeno provato a contrastarlo. Nella mia mente non era più presente quel numero "23" malefico. Era presente solo l'arrivo. Ho seguito i cartelli "15Km" che era la distanza inferiore presente nella manifestazione. Sono stati 5Km davvero lunghi e molto sofferti. Ho pensato ad una frase molto corta ma molto impegnativa: CORRERE SEMPRE, ARRENDERSI MAI! Ho continuato e continuato senza fine e senza sosta. Ogni passo pesava sempre di più del precedente. Non riuscivo più a concentrarmi nemmeno sul ritmo da tenere. Ho dato tutto quello che mi era rimasto, non mi interessava. Volevo solo arrivare.

Oggi ho imparato una lezione di vita davvero bella ed importante: Nella corsa i numeri posso andare a farsi fo***re ... sono le sensazioni che ci rendono essere umani assieme al nostro essere ... e questo non vale solo nella corsa ma anche nella vita!

Ho anche "resettato" la mia testa una volta arrivato. Ero davvero felice. Sapevo che non ero solo oggi mentre correvo e questo bastava per dirmi di andare avanti ancora e poi ancora. Ho stretto i denti per davvero ed anche se ho sofferto per davvero è stato davvero utile e bellissimo.

Una nota sulla gara e la sua gestione: il percorso dei 15Km mi è piaciuto davvero molto (anche se la distanza reale era quasi 16Km) ed i ristori erano davvero ricchi e ben gestiti. Il mega ristoro finale e le doccie calde sono state una vera mano santa dal cielo per tutti secondo me!

Per i più curiosi ho scaricato la corsa di oggi sui due siti sportivi che uso:

Buona consultazione!


Etichette: , , , , , , ,