[Riflessione] Sport: un buon istruttore è cattivo?

E' da qualche mese che ho questa domanda in testa a seguito ad una discussione in pizzeria tra amici. Ieri sera invece le stessa situazione si è presentata in piscina durante il corso di nuoto. La nostra istruttrice del venerdì sera non c'era e così avevamo la ragazza che di solito fà il corso del quinto livello. Inizialmente ero un pò preoccupato, poi invece nel corso della lezione ...



... mi sono dovuto ricredere ed anche parecchio! Il ritmo che ci ha fatto prendere era di quelli che mi piace tanto. In che senso? Semplice, una vasca via l'altra e la pausa quesi inesistente. Esercizi anche "assurdi" e mai fatti, ma che comunque sono stati utili se poi rimessi assieme.

Ad un certo punto, mi incrocio con una ragazza che era nel mio corso mentre lei chiudeva la seconda vasca ed io chiudevo la quinta. Mi guarda e mi dice:
Molto meglio l'altra che è più buona, questa è cattiva!

A me personalmente queste frasi fanno ridere per davvero! Mentre tornavo indietro per chiudere la sesta vasca, mi è venuto in mente un episodio precedente molto simile anche se legato allo spinning.

Quella sera, in pizzeria, si parlava di spinning ed una ragazza ha detto:

Mi piacerebbe andare a farlo, solo che dove volevo andare è sempre pieno!

Io la guardo e le faccio:
Vieni dove vado io alla Palestra XYZ che l'istruttore è davvero in gamba!

Lei mi guarda e mi fà:
Avete NomeIstruttore, vero?

Le dissi di si ed il mio neurone mi ha ricordato che NomeIstruttore insegna spinning anche in quella palestra. Lei mi guarda e mi risponde:
NO! Io lì non ci vengo! NomeIstruttore è cattivo, lo dicono tutti i suoi allievi e si lamentano!

La guardo e mi metto a riderle in faccia! Faccio spinning da 2 anni con quell'istruttore ed è buono come il pane! Che sia bravo ed a volte ti "porta alla fuga" su una bici da spinning non vuol dire che sia cattivo!

Ed ecco qua secondo me il punto e la domanda cruciale che stà alla base di tutto questo discorso:
Per quale motivo fai sport?

La risposta la catalogo in due modelli fondamentali:

Se rientri nella categoria uno, penso che per te il buon istruttore sia quello che ti faccia fare il minimo necessario e che vale poco. Quello serio, che ti fà "tirare il collo" lo reputi cattivo ed a volte incapace.

Se rientri nella categoria due, penso che se ti capita l'istruttore che fà il minimo quello venga marcato a vita nel libro nero e quello che ti fà il suddetto culo sia uno bravo se lo fà con uno scopo sensato.

Ora, se rientri nella prima categoria ... mi spieghi una semplice cosa che non ho ben capito?
Perchè dare dell'incompetente o del cattivo ad un istruttore che è in gamba e sà fare il suo lavoro? Secondo me NON è corretto! E' vero, può crearti un problema di base non star dietro al gruppo o a tutti per tutta la lezione. L'importante è prendere il ritmo della lezione ed adattarlo al proprio! Quante volte ho detto che avrei fatto l'allenamento ad un ritmo diverso perchè dopo una gara ero distrutto? E' successo, sono qua ancora vivo ed amico dell'istruttore e non ci siamo detti nulla dietro! Gli ho anche detto che l'ho tradito per andare in un altra palestra a provare un istruttore di spinning diverso e che mi è piaciuta davvero molto la sua lezione. Ragazzi, siamo onesti nella vita. Con una mano sul cuore, forse un "Lui è in gamba ma io non sono allenato" è molto meglio di un "quello lì è troppo cattivo o severo" ...

Lo ammetto, è successo di dirlo anche a me che un istruttore fosse incompetente. Lo era per davvero però. Vi dico solo che quella sera, uscito da spinning non mi sono nemmeno fatto la doccia. Ero più asciutto di quando sono entrato in palestra. Più che un istruttore, sembrava un omino del cabaret del venerdì sera.

Riflettete ... ... ...

Etichette: , , , , , , , , , ,