La mia divisa, Il mio letto ed i miei ricordi …

Come avevo già detto ad alcuni di voi e forse magari scritto in qualche precedente post ... oggi RICOMINCIAVO a fare i turni di volontariato! Non sapevo cosa e come sarebbe andata. Non ho voluto programmare nulla. Ho lasciato che tutto si svolgesse in modo spontaneo!



Tornato dalla piscina ieri sera, ho deciso che per dimenticare il tutto ([Nuoto] Che vada tutto al diavolo … il ciclismo è meglio!) potevo (visto che anche dovevo) fare il borsone dei turni. Prendo la classica borsa che usavo ed incomincio. Dall'armadio tiro fuori la divisa. Mi son fermato davanti a lei. Non sapevo cosa dirle. L'ho sempre difesa ed ho sempre lottato per lei litigando anche con persone care. La botta emotiva è stata tanta ed anche forte. Mi ha colto alle spalle se devo essere sincero!

Ieri sera sono andato a letto presto perchè la sveglia non era molto distante. Alle 05:20 di questa mattina è suonata in modo dolce (sigla di Daitarn III) la mia sveglia! Il tempo di una prima colazione come si deve e poi mi son vestito. Ho deciso di indossare direttamente la divisa. Era inutile mettermi in abiti civili per poi cambiarmi dopo 20 minuti in sede. È anche vero che odio andare in giro vestito in divisa. Non mi và di passare per "il classico bulletto la divisa fà tanto figo ed io mi masturbo alla grande in questo modo" ma essendo le cinque di mattina ho pensato che non mi vedessero in molti e così è stato. Un altro punto a favore di questa scelta è stata l'educazione nei confronti dei ragazzi del turno di notte evitando rumori. Sò cosa si prova ad essere svegliati da teste di c***o che non hanno la minima educazione e rispetto per gli altri.

Arrivato in sede, il turno è subito partito! Ero di turno con un mio amico. Non lo vedevo da tempo. Ero contento di riprendere a fare turni con lui. Prima quando facevo anche l'emergenza ci impedivano di fare turni assime in quanto entrambe siamo (o forse data la mia situazione è più opportuno eravamo) capi squadra. Avevamo da fare tre servizi di trasferimento casa/ospedale. Tra un servizio e l'altro abbiamo fatto una bella chiaccherata. Ovviamente l'argomento in questione era la mia sospensione e rientro. Abbiamo anche ricordato situazioni "strane" sui soccorsi ed altro. Non mi ha fatto molto effetto il tutto. Solo ricordi di un passato non molto distante.

Il vero "colpo basso effetto sorpresa" è stato quando siamo rientrati. Ho trovato un pò di gente che conoscevo ed altri no. Un saluto generico e poi son andato in camera a cambiarmi. Chiudo la porta e d'istinto butto la borsa tra il primo letto ed il muro sotto la mensola del telefono. Sempre istintivamente mi siedo sul letto (la prima versione era: sempre istintivamente metto le mie chiappe sul materasso del primo letto) e fisso il telefono. NOOOO ... era quello che facevo ogni volta che montavo in servizio d'emergenza ... non ci credo! Ho rialzato le chiappe dal letto ed ho comiciato a cambiarmi. Pensate sia finita? No ...

Finito di cambiarmi, tra un sms e l'altro per effettuare un codice 5 come ai vecchi tempi (codice 5 è emergenza cibo ... colazione con brioches calda in questo caso) esco e saluto tutti. Vedo due ragazzi che facevano i turni con me a fare il controllo ambulanza e salgo pure io. Non mi ha toccato poi molto anche perchè con quell'ambulanza non ho un legame come con le altre. Ad un certo punto: "DRIIIN" ... è suonato il telefono. Son rimasto indifferente. Guardo il mio amico rilassato e gli faccio: "Buon giro, proprio bello sapere che non è per te la chiamata e ti rilassi!" Mi ha guardato e si è messo a ridere ... fortuna che non ha espresso i suoi pensieri in modo vocale ... ... ...

In conclusione dico solo una cosa ... son state due ore brevi ma intense. Ho rivisto cose che davo per scontato, ho rivissuto situazioni che non mi aspettavo o avevo dimenticato. Insomma, un bel casino ... già ... ora ho le idee più confuse di prima ...e tutto ciò non è per nulla bello!

Etichette: , , , , , , ,